gian piero calchetti isola del giglio giglionews
Ricordi del Demo's

DEMO’S

Quando un bene va all’asta sono “guai”. Ne so qualcosa anch’io, che, per “diletto”, faccio il Revisore.

Demo’s, di sei piani e tre stelle, che, ai miei tempi, erano tanti, era un bell’albergo: il primo, ove, diciassettenne dimorai, come studente-attore d’Orbetello, in vacanza-premio assieme ad altri.

Ed alcune cose ricordo, come fosse ieri: il vino stupendo e il brodo D’Aragosta, che, mai prima, avevo degustato; le dolcissime gelse rosse del sentiero che, aspro, portava su al Castello, che ti macchiavano le mani e la bocca come sangue; l’acqua “cattiva” e la “luce”, che, alle 11 e mezzo, Angeli, l’allievo, “sbevazzone”, di mio padre, spegneva, puntualmente.

Non c’era pressoché, Turismo, al Giglio, a quei tempi andati, tant’è che, a nessun prezzo, riuscimmo a noleggiare, barche a remi, per fare, sotto costa, qualche giro e un po’ di nuoto, al largo, fuori Porto.

C’era ostile la gente e male ci guardava, in quanto, seppure “Orbetellesi”, “erimo” ragazzi e ragazze ”foresti” e scandalosi, per gli “hot pants” e le magliette a spalla, che lasciavano scoperte braccia e gambe.

Non a caso, al Castello, Il Maresciallo, “aizzato” d’”anziane” donne, in “ropa” e “grembio” neri, tanto da parer vedove “sconsolate”, ebbe a fermarci, e rimandarci al Demo’s, mentre, tra i vicoli, antichi come le “coti” di cui erano fatti, “chiedevamo” di Pizzeta, nostra, brava, compagna di Ginnasio”.

Ricordo, inoltre, che, in albergo, allora di tre piani, dopo cena e prima che la luce fosse spenta, giocavamo a scopa o scendevamo in acqua per nuotare, mentre, dalle vetrate e sugli scogli, Preside e Professori, ci tenevano sottecchi.

Per questo, di quella, pur “imperfetta”, nostalgia ancor mi nutro, e tengo a cuore, a quasi sessant’anni di distanza, la sorte del Demo’s messo all’asta, che fu, per primo, al Giglio, la mia casa.